Alla puntata di Linea Verde dell’8 gennaio 2017 Andrea Zampetti, pedagogista di Kairos, ha raccontato le potenzialità dell’agricoltura sociale insieme a Barikamà, Casale di Martignano e Rete Fattorie Sociali. E l’inclusione per i rifugiati, con il progetto Campi Ri-Aperti in collaborazione con Casa Scalabrini 634, ha trovato spazio nella trasmissione di Tv2000 dedicata alla campagna “Abbiamo Riso Per Una Cosa Seria”

[VIDEO]
L’intervento a Linea Verde di Andrea Zampetti sull’Agricoltura Sociale di Kairos

Guarda l’estratto dell’intervista sulla pagina Facebook di Kairos o sul sito.
Guarda l’intera punta su RaiPlay.

L’intervento di Andrea Zampetti a MadreTerra con Licia Colò, puntata speciale di Il Mondo Insieme per la campagna #RisoxUnaCosaSeria

Guarda l’estratto della puntata sulla pagina Facebook di Kairos o sul sito.
Guarda l’intera punta su YouTube.

Guarda il video dell'intervista ad Andrea Zampetti a Linea Verde
Guarda il video dell’intervista ad Andrea Zampetti a Linea Verde

Linea Verde: Agricoltura Sociale nel Lazio

Linea Verde dell’8 gennaio 2017 ha mostrato l’agricoltura sociale al pubblico di Rai 1. E Kairos, attraverso l’esperienza di Andrea Zampetti, ha avuto il piacere di rappresentare questo mondo che guarda alla natura, alla produzione e alla solidarietà. Insieme a noi la trasmissione ha presentato anche Barikamà, il Casale di Martignano, la Rete Fattorie Sociali ed altre realtà del Lazio.

È stata un’occasione speciale per raccontare storie di persone in difficoltà, psico-fisica o sociale, che hanno trovato un’evoluzione diversa rispetto alle storie alle quali la Televisione ci abitua solitamente.

Barikamà: dallo sfruttamento allo yogurt. L’integrazione si fa impresa

Barikamà a Linea Verde

I ragazzi della cooperativa Barikamà hanno raccontato la propria avventura, iniziata da 4 diversi paesi dell’Africa subsahariana, passata attraverso lo sfruttamento, il caporalato e la rivolta di Rosarno del 2010, culminata in questa splendida impresa autonoma.

Nel Casale di Martignano producono ortaggi e yogurt, prodotti che vengono venduti attraverso gruppi di acquisto solidale (GAS) o trasportati a domicilio in bicicletta. Questi ragazzi africani hanno portato nei campi italiani l’esperienza, le conoscenze, la tecnica dei propri paesi di origine. Anche questo è integrazione. E Barikamà è, infatti, un’incoraggiante esempio di integrazione e di solidarietà. Oggi aiutano con la propria impresa altri soggetti in difficoltà.

Kairos: come si “agganciano” i ragazzi nel percorso educativo? La simulazione con Daniela Ferolla

I maiali del Casale di Martignano con Daniela Ferolla di Linea Verde

Kairos, invece, ha introdotto il proprio lavoro con i giovanissimi ragazzi che beneficiano dei nostri percorsi educativi e formativi mettendo alla prova la stessa conduttrice del programma.

L’allevamento di maiali è una delle attrazioni del Casale di Martignano: dai piccoli ospitati nella “nursery” con le loro mamme, agli adulti che vivono liberi di muoversi in un’ampia porzione di bosco. Ma sono anche il primo passo che molti ragazzi, e non solo loro, compiono quando iniziano il proprio cammino di crescita con l’agricoltura sociale insieme a Kairos. Un’operazione semplice ma che dà immediata soddisfazione, dare da mangiare ai maiali, è il punto di partenza che Andrea Zampetti fa provare anche a Daniela Ferolla. I maiali, infatti, manifestano il proprio desiderio di cibo urlando. Ma basta distribuire il mangime, evitando che litighino per contenderselo, per farli calmare. È una mansione che mette tutti, immediatamente, di fronte al risultato del proprio lavoro.

Le messa alla prova. La storia di Jacopo

Jacopo

Ha avuto la forza di presentarsi e raccontare la propria esperienza anche Jacopo, uno dei ragazzi seguiti in passato da Kairos. Jacopo, a causa di un episodio di razzismo, ha subito un arresto quando era solo un minorenne. Gli è stata assegnata la misura della “messa alla prova” dai servizi sociali.

Lo abbiamo conosciuto così, e insieme a noi ha iniziato un percorso educativo, oltre che lavorativo, che lo ha fatto crescere tantissimo. Ha lavorato fianco a fianco anche con persone di origine diversa dalla sua, diventandone amico. Ha imparato a rapportarsi in modo nuovo e sano. Oggi fa il servizio civile insieme a Borgo Ragazzi Don Bosco. Quel giorno, infatti, era al Casale di Martignano per far vivere un’esperienza simile alla sua a ragazzi che, come lui, hanno solo bisogno di fiducia e di un nuovo rapporto con le persone e con il mondo.

Alfonso Pascale: l’agricoltura sociale non è assistenzialismo ma inclusione

“L’agricoltura sociale non è assistenza, ma sviluppo” sono le parole con le quali Alfonso Pascale, fondatore della Rete delle Fattorie Sociali, ha sintetizzato il senso del nostro lavoro all’inizio della trasmissione. Nell’agricoltura si inserisce qualcosa che, in fondo, appartiene al mondo stesso dell’agricoltura già dalla sua nascita: il sociale. “Sociale significa solidarietà e cura delle relazioni, quindi, reciprocità, mutuo aiuto”. L’agricoltura sociale, infatti, non aiuta le persone con il semplice assistenzialismo, ma includendole in una rete di relazioni.

Se non avete visto la puntata, potete trovare l’estratto dell’intervento a questo link sul sito.

Madre Terra: su TV2000 puntata speciale dedicata alla campagna Abbiamo Riso per Una Cosa Seria

Guarda il video dell'intervento di Andrea Zampetti nella puntata speciale di Il Mondo Insieme, dedicata alla campagna Abbiamo Riso per Una Cosa Seria
Guarda il video dell’intervento di Andrea Zampetti nella puntata speciale di Il Mondo Insieme, dedicata alla campagna Abbiamo Riso per Una Cosa Seria

La terra offre alle persone anche opportunità di inclusione. Si cresce insieme: sia i giovani che portiamo nei nostri SEMI, sia noi e le altre persone che rendono possibile far diventare l’agricoltura un Agricoltura Sociale.

L’agricoltura sociale è inclusione. Questo è il punto di vista del progetto Campi Ri-Aperti che abbiamo portato il 4 maggio 2018 a TV2000. Non solo lavoro. E questa è sempre stata una caratteristiche di Madre Terra, sin da quando l’uomo ha iniziato a lavorarla.

Campi Ri-Aperti, tra i progetti sostenuti dalla campagna di Focsiv

Abbiamo partecipato così alla campagna di fundraising di Focsiv, Abbiamo Riso per una Cosa Seria, nata per difendere la terra e chi lavora la terra e che per il secondo anno consecutivo sostiene anche il progetto che ci vede collaborare con Casa Scalabrini 634. Campi Ri-Aperti è un progetto formativo che offre un’esperienza di lavoro nell’ambito agricolo a giovani rifugiati e richiedenti asilo. Si tratta di un percorso di orientamento e formazione al lavoro che ha come momento cardine un tirocinio di 4 mesi all’interno di un’azienda agricola. Il proposito è quello di far acquisire ai beneficiari, alla fine dell’esperienza, una visione del mondo agricolo in grado di suggerire prospettive e opportunità future.

[AUDIO]
Costruire Reti e partnership: in radio per spiegare come lavora Kairos

Non solo Agricoltura Sociale, ma anche sostegno alle strutture e ai servizi che si occupano di madri sole con bambini. Fare Rete nel sociale è fondamentale e più volte abbiamo avuto la possibilità di spiegarlo in radio.



Vuoi fare Rete con noi o sei interessato all’agricoltura sociale? Collabora o partecipa ai nostri progetti o CONTATTACI per una consulenza.
Puoi ricevere informazioni sulle Giornate di Agricoltura Sociale aperte a tutti o sui seminari
AgriLab iscrivendoti alla NEWSLETTER di Oasi e Kairos


ALTRI POST SUL BLOG


“La collettività che promuove il suo stesso benessere”

Integrazione: Campi Ri-Aperti preso a modello

Giornate di Agricoltura Sociale: mettiti in gioco per un giorno


I PROGETTI


Campi Aperti per il Sociale

Campi Ri-Aperti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Copyright 2015
Kairos
Società cooperativa sociale a.r.l. O.N.L.U.S. (di tipo “B”, ai sensi della L. 381/91)

Sede legale: via Attilio Ambrosini n. 72 – 00147 Roma
Tel.: 06.5160.0539
Fax: 06.5188.2122
[email protected]