Kairos Racconta

AgriLab: il 17 novembre ci incontriamo per “seminare” nuova Agricoltura Sociale

Il 17 novembre il consueto AgriLab di Kairos sarà nella sede di Confagricoltura. Si partirà dall'esperienza del progetto Campi Aperti per seminare nuove prospettive con SEMI
Il 17 novembre il consueto AgriLab di Kairos sarà nella sede di Confagricoltura. Si partirà dall’esperienza del progetto Campi Aperti per seminare nuove prospettive con SEMI

“Campi Aperti. Seminare innovazione nel territorio” è il nuovo incontro del ciclo AgriLab di Kairos. Vogliamo incontrare educatori, operatori, assistenti sociali, imprenditori e curiosi per parlare di Agricoltura Sociale nella sede di Confagricoltura, a Roma

Leggi tutto

Agricoltura Sociale: “La collettività che promuove il suo stesso benessere”

Andrea Zampetti, pedagogista di Kairos, impegnato con il progetto di agricoltura sociale "Campi Aperti" al Casale di Martignano

Abbiamo parlato di agricoltura sociale a RadioArticolo1, nella puntata di lunedì 31 luglio di Consumeradio. Andrea Zampetti, pedagogista di Kairos, ha raccontato l’esperienza della nostra cooperativa sociale, il nostro progetto Campi Aperti e il lavoro in rete che coinvolge tutta la comunità ed è alla base dello stesso significato di agricoltura sociale.

“L’agricoltura sociale porta risposte partecipate alle esigenze del territorio – spiega, infatti, Andrea Zampetti -. Il modo migliore per farlo è aggregare territori. Costruire reti territoriali integrate partendo dalle aziende agricole per attivare percorsi in favore di persone svantaggiate”.

Leggi tutto

E dopo il percorso di Agricoltura Sociale cosa c’è?

Il colloquio in azienda con i servizi sociali del Comune di Roma

Arriva il momento di fare un resoconto della propria esperienza di agricoltura Sociale per Rosa e Diamante. Arriva il momento di fare delle scelte. La prima di una serie di scelte, forse, per queste due giovani ragazze di 16 e 18 anni. Abbiamo lavorato per mesi con loro e, nelle settimane appena trascorse, è giunto il momento dei colloqui con i servizi sociali del territorio in cui vivono.

Cosa c’è dopo un anno di Campi Aperti, esperienza formativa ed educativa che abbiamo potuto realizzare grazie al Fondo per i minori della Legge 285/97 e il Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute di Roma Capitale? Leggi tutto

Nel carcere di Asti con Foragri: l’Agricoltura Sociale è un’opportunità anche per i detenuti

Nella casa circondariale di Asti, il convegno di ForAgri sulle opportunità offerte dall'agricoltura sociale anche ai detenuti

Si è parlato di agricoltura sociale nella Casa di reclusione di Asti. ForAgri, il fondo interprofessionale per la formazione continua in agricoltura, ha organizzato un convegno per raccontare le opportunità, anche in favore dei detenuti, che nascono dalla legge 141/2015.

Confagricoltura: Presto lanceremo il secondo bando “Coltiviamo agricoltura sociale”

Diversi gli interventi, sintetizzati da un comunicato di Confagricoltura.
In apertura, il direttore della struttura che ha ospitato l’incontro, Elena Lombardi Vallauri, ha ricordato gli oltre 15 anni di progetti dedicati all’attività agricola. “Il ForAgri – ha spiegato il presidente Stefano Bianchi –  ha colto questa esigenza e ha investito negli ultimi anni in vari progetti formativi specifici nel comparto. In otto anni – ha ricordato – il nostro fondo ha investito, in generale, 32 milioni di Euro in formazione, coinvolgendo 40mila lavoratori e 6700 imprese agricole”. Leggi tutto

Iniziamo l’estate a Martignano, diffondendo l’Agricoltura Sociale

Agricoltura sociale al Casale di Martignano. Iniziamo l'estate cominciando nuovi percorsi

Iniziamo l’estate! Una nuova stagione che inizia, un anno di lavoro che termina il suo ciclo. Percorsi che finiscono (o vanno “in pausa”) e percorsi che iniziano. Martedì, al Casale di Martignano, si è svolto il terzo evento territoriale per la diffusione dell’agricoltura sociale. Per un nuovo gruppo di adolescenti, il primo incontro con l’azienda agricola. Ma anche l’ultima giornata passata insieme ai ragazzi che gli operatori della Cooperarativa Arca di Noè accompagnano qui il martedì, per far vivere loro delle esperienze che li aiutino a ritrovare motivazioni e stimoli. Magari ci ritroveremo con gli stessi ragazzi anche in autunno, per raccontarci l’estate e progettare il futuro. O ne conosceremo di nuovi. Intanto, gli abbiamo fatto il nostro ‘in bocca al lupo’ per le scelte che prenderanno nel loro futuro.

Una giornata che ha concentrato emozioni, esperienze e momenti diversi del percorso educativo. Ma una giornata leggera. Celebriamo nuovi cicli che iniziano e cicli che finiscono celebrando anche l’arrivo dell’estate.

Un nuovo ciclo

Anche questa volta abbiamo assistito ad uno di quei momenti che potrebbero rivelarsi fondamentali nella vita di un adolescente. La Giornata di Agricoltura Sociale ci ha fatto incontrare dei ragazzi, con la possibilità di iniziare un percorso di inclusione sociale a contatto con la natura, all’interno di un’azienda agricola.

Leggi tutto

Al fianco dei ragazzi: il ruolo di educatori e Terzo Settore nell’Agricoltura Sociale

Gesti d'affetto tra ragazzi ed educatori catturati mentre si fa agricoltura sociale
Gesti d’affetto tra ragazzi ed educatori catturati mentre si fa agricoltura sociale

In Agricoltura Sociale c’è anche un’altra categoria di protagonisti “in campo”, oltre ai giovani beneficiari del percorso, l’azienda agricola e, nel nostro caso, lo staff educativo di Kairos. Gli educatori e gli operatori delle realtà del Terzo Settore che seguono i ragazzi nella vita di tutti i giorni sono anch’essi partecipi. Partecipano, spesso, alle attività stesse. Anche loro con le mani nel terreno insieme a noi, ai ragazzi e agli operai dell’azienda. Partecipano, soprattutto, nel percorso di crescita che l’agricoltura sociale disegna per l’adolescente.

L’agricoltura sociale è un lavoro da fare insieme. È ben altro che un semplice rapporto professionale tra l’azienda e la persona che affronta un disagio trovando nell’impegno e nella natura una strada verso l’inclusione. Nel tracciare questo percorso, che è anche educativo, intervengono i servizi sociali e le organizzazioni del Terzo Settore. Leggi tutto

Esempi di agricoltura sociale: la settimana di Kairos

Il corso di orticoltura e giardinaggio con Borgo Don Bosco nell'azienda agricola D'Alesio. Uno degli esempi di agricoltura sociale di Kairos a Roma
Il corso di orticoltura e giardinaggio con Borgo Don Bosco nell’azienda agricola D’Alesio. Uno degli esempi di agricoltura sociale di Kairos a Roma

Sono molto diverse tra loro le attività abitualmente svolte in azienda dallo staff educativo di Kairos. Tanto quanto sono diverse le aziende stesse e i bisogni dei ragazzi che lì incontriamo. Ripercorriamo una settimana tipo di Kairos, di questa annata 2016/2017, per offrire alcuni esempi di agricoltura sociale a chi si vuole avvicinare a questo mondo, come beneficiario, operatore o imprenditore.

Premessa: quali e quanti esempi di agricoltura sociale

L’agricoltura sociale non è solo inclusione lavorativa per quelle persone, disabili o NEET, che faticano a trovare un impiego o per i migranti, che devono essere accompagnati nella scoperta del nostro modo di intendere il mondo del lavoro e la vita in azienda. È qualcosa di molto più flessibile, che si adegua alle esigenze e alla fase della vita che contraddistinguono i beneficiari. Leggi tutto

Mappatura: “Accoglienza residenziale dei nuclei mamma-bambino nel Lazio”

Martino Rebonato illustra il risultato della mappatura delle strutture che nel Lazio si occupano dell'accoglienza residenziale dei nuclei mamma-bambino
Il seminario

In occasione del seminario conclusivo del progetto Famiglie e servizi in Rete, Martino Rebonato di Kairos ha illustrato il risultato della mappatura delle strutture che nel territorio della Regione Lazio si occupano dell’accoglienza residenziale dei nuclei mamma-bambino. Il progetto è stato finanziato dalla Regione stessa e dall’ IPAB Asilo Savoia, ente Gestore dell’Avviso. La mappatura è stata realizzata in collaborazione con la Rete delle strutture e dei servizi per i nuclei mamma-bambino e costituisce l’aggiornamento al 31 dicembre 2016 dei dati raccolti dall’Associazione Oasi nel corso del progetto Mam&Co.

La mappatura

È ora disponibile per il download il documento prodotto dalla ricerca/mappatura.

Leggi tutto

Giornate di Agricoltura Sociale: tappa al Casale di Martignano

Al Casale di Martignano nacque la nostra avventura con l’agricoltura sociale. Non solo per questa ragione, l’azienda sulle rive dell’omonimo lago è un posto speciale. Al termine della strada in salita, appena girata la curva che conduce all’ingresso, appare all’improvviso la vista dall’alto del lago di Martignano. Fino a pochi metri primi la nasconde un costone di roccia. Nelle giornate di sole, come quella di ieri, il visitatore impatta con i colori intensi dell’azzurro dell’acqua, del verde della cornice di colline e delle sfumature create da orti e allevamenti. “Sembra la porta di passaggio tra il mondo reale e il mondo ideale” Leggi tutto

Giornate di Agricoltura Sociale: tappa a Tor Tre Teste

Giornate di Agricoltura Sociale. Il cerchio iniziale nell'Azienda Agricola D'Alesio
Renato D’Alesio, titolare dell’azienda agricola, scherza e racconta aneddoti ai ragazzi e agli operatori riuniti nel cerchio di presentazione che caratterizza le Giornate di Agricoltura Sociale

Un’azienda a conduzione familiare che, proprio come una famiglia, da anni coccola e fa crescere i tanti ragazzi, soprattutto stranieri, che sono passati da queste parti per un’esperienza di lavoro o di formazione o un tirocinio. La seconda tappa delle Giornate di Agricoltura Sociale ci ha portato nell’Azienda Agricola D’Alesio, in via di Tor Tre Teste, periferia est di Roma. Qui, Renato D’Alesio ci ha accolto nel cortile della sua casa, confinante con i terreni e il negozio ortofrutticolo della sua azienda.

Renato e la sua famiglia sono abituati a lavorare con persone di culture e lingue molto diverse. Anche il progetto Campi Ri-Aperti, nato dalla collaborazione tra Kairos, Associazione Oasi e Casa Scalabrini 634, ha portato in questi orti giovani rifugiati e richiedenti asilo alla ricerca di un‘opportunità per integrarsi e imparare un lavoro. Pur essendo figlia della tradizione e della cultura nostrana, la famiglia D’Alesio ha sviluppato un’abilità particolare che trova la sua massima espressione nello spirito paterno, fermo ma amorevole, nel carisma e nella simpatia di Renato. Nella prima foto che qui vi proponiamo scherza e racconta aneddoti ai ragazzi e agli operatori riuniti nel cerchio di presentazione che caratterizza le Giornate di Agricoltura Sociale. Leggi tutto

Prima Giornata di Agricoltura Sociale: subito in gruppo!

Prima Giornata di Agricoltura Sociale a La Nuova Arca
Prima Giornata di Agricoltura Sociale a La Nuova Arca

Ieri a La Nuova Arca abbiamo accolto dei ragazzi alla loro prima esperienza in azienda. Vengono dallo SPRAR di Mostacciano, Municipio IX di Roma, hanno tra i 18 e i 20 anni e sono provenienti dalla Nigeria e dalla Guinea. L’Agricoltura Sociale per loro può essere un’opportunità di integrazione e, magari, una prospettiva lavorativa. Siamo contenti di come sia andato questo primo appuntamento con le Giornate di Agricoltura Sociale, le occasioni alle quali abbiamo invitato ragazzi, operatori e assistenti sociali per testare sul campo (letteralmente) ciò che può offrire un percorso di inclusione socio-lavorativa in un’azienda agricola.

Un ruolo fondamentale, in questa giornata di lavoro diversa dalle altre, lo hanno avuto i ragazzi che hanno intrapreso già dall’autunno questo percorso con Kairos. Ciò che hanno imparato nei mesi passati può essere un tesoro anche per i “nuovi”. Ormai, sono esperti e a proprio agio negli orti a due passi dall’Ardeatina della Cooperativa che li ospita ogni giovedì. Per questo, abbiamo chiesto loro di mostrare ai ragazzi dello SPRAR come svolgere il piccolo lavoro con il quale li abbiamo messi alla prova. Leggi tutto

Agricoltura Sociale: come prepararsi, cosa si fa e cosa aspettarsi

Giornate di Agricoltura Sociale: il giro negli orti, un esempio di cosa si fa in questi appuntamenti
Giornate di Agricoltura Sociale: il giro negli orti, un esempio di cosa si fa in questi appuntamenti

Cosa si fa in un’azienda impegnata in Agricoltura Sociale? Come consigliamo di prepararsi per vivere un’esperienza di prova, come quella che offriamo con le Giornate di Agricoltura Sociale? E cosa ci si può aspettare in futuro se si sceglie di intraprendere questo percorso di inclusione sociale, e magari lavorativa, per un determinato periodo o per una lunga fase della propria vita?

Si avvicinano le Giornate di Agricoltura Sociale, gli appuntamenti che saranno utili ai ragazzi e agli operatori che li accompagneranno per provare per un giorno le attività e l’ambiente solidale che proponiamo all’interno di aziende agricole. Riceviamo iscrizioni, incontriamo l’interesse dei servizi sociali dei Municipi di Roma, e ancora tanti ragazzi e organizzazioni attive sul territorio possono segnalarci l’intenzione di partecipare ad una delle tre date.
Ma cosa bisogna sapere prima di partecipare alle Giornate di Agricoltura Sociale? Come presentarsi e cosa si fa? Leggi tutto

Giornate di Agricoltura Sociale: si parte il 20 aprile! Date e prenotazioni

Abbiamo organizzato delle giornate da trascorrere in tre aziende agricole multifunzionali romane che ospitano i beneficiari dei nostri progetti di agricoltura sociale. Le Giornate di Agricoltura Sociale nascono per far testare ai diretti interessati, i ragazzi, e agli operatori che li accompagneranno le nostre esperienze di inclusione sociale e lavorativa in azienda.

Ecco il calendario con le date delle Giornate di Agricoltura Sociale che proponiamo in questa primavera 2017:

I laboratori sono aperti ad un numero limitato di partecipanti. I servizi e le organizzazioni territoriali che seguono i ragazzi interessati sono invitati a prenotarsi entro una settimana prima della giornata alla quale desiderano partecipare.
Per informazioni e prenotazioni per una delle date proposte, i contatti di Kairos sono:
mail – segreteria@kairoscoopsociale.it
tel. – 06 51600539
Modulo di prenotazione online – google/forms Leggi tutto

Contemplativi, sperimentatori e inseriti. Chi sono i soggetti che incontrano l’agricoltura sociale?

Un momento tratto dal primo giorno di Agricoltura Sociale per 3 adolescenti di Roma - I tipi di soggetti che incontrano l'agricoltura sociale
Un momento tratto dal primo giorno di Agricoltura Sociale per 3 adolescenti di Roma

Quali sono le categorie di persone che incontriamo con i nostri progetti di agricoltura sociale? Andrea Zampetti, pedagogista di Kairos, in occasione dell’AgriLab dedicato al progetto Campi Aperti – Oltre la Gelata, ha riconosciuto tre categorie di soggetti che beneficiano dei percorsi personalizzati nelle aziende agricole. Si differenziano tra loro non per il tipo di disagio sociale sofferto, come solitamente si fa, ma proprio per il tipo di percorso che si trovano ad affrontare.

I contemplativi. Fanno la propria conoscenza con il mondo dell’agricoltura sociale, magari solo per un giorno, per goderne la bellezza e vivere una giornata diversa. Lontani dalla periferia o dall’inquietudine generata dal proprio status di migrante. “Sono quelli che al Casale di Martignano prendono gli stivali, entrano con i piedi nel lago e guardano Leggi tutto

Seminario “Famiglie e servizi in Rete”. I risultati della ricerca e le voci dalla Rete mamma-bambino

Martino Rebonato è intervenuto per Kairos al Seminario finale del progetto "Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino"
Martino Rebonato è intervenuto per Kairos al Seminario finale del progetto “Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino”

Terminato il progetto Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino, ne abbiamo discusso i risultati al seminario di martedì 28 febbraio all’Università Lumsa. Abbiamo accompagnato e supportato la crescita della Rete mamma-bambino, studiato e monitorato nell’ambito della Regione Lazio il fenomeno dei nuclei mamma-bambino socialmente vulnerabili e la situazione delle strutture che di loro si occupano.

Dal progetto presentato in questo evento è nata una mappatura delle strutture e dei servizi per nuclei mamma-bambino del territorio laziale.

È stato importante per noi vedervi riempire l’aula 1 dell’Ateneo che ci ha ospitato per l’occasione. Ha scelto di partecipare anche l’assessore alle politiche sociali della Regione Lazio, Rita Visini, riservandoci un’intervento.

VIDEO dell’intervento

Assessore Visini: “Il Sociale è anche sviluppo economico”

Il seminario, dedicato alla memoria di Paola Spada, fondatrice della “Casa della Mamma”, ha visto intervenire diverse personalità.
Gennaro Iasevoli ha fatto gli onori di casa per la Lumsa; Antonio Mazzarotto e Massimiliano Monanni hanno rappresentato rispettivamente la Regione Lazio e l’IPAB Asilo Savoia, l’ente finanziatore e l’ente gestore dell’avviso pubblico “Famiglie Fragili 2015”, grazie al quale ha visto la luce il progetto di Kairos.
Il professore Raniero Regni ha catturato l’attenzione dell’aula con un approfondimento sul rapporto tra madre e bambino che si nutre di un contatto occhi-ad-occhi esistente solo nell’essere umano. Ha ricordato anche l’immagine mitologica di Kairos, il fanciullo che non può essere catturato da chi rimane dietro di lui; il concetto di tempo, di momento prospero, che si oppone al tempo inteso come Kronos che domina il nostro mondo. Lo ringraziamo anche per questo. Leggi tutto

Rete Mamma-Bambino: 28 febbraio il Seminario finale

Martedì 28 febbraio, dalle 15.00 alle 17.00, presso l’Università LUMSA (Piazza delle Vaschette 101, Roma) ci sarà il Seminario finale del progetto Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino. 

Convegno-finale-Rete-mamma-bambino


IL PROGETTO


Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino

Progetto vincitore dell’Avviso Pubblico rivolto a soggetti del Terzo Settore “Famiglie Fragili 2015”.
Ente finanziatore: Regione Lazio.
Ente gestore dell’Avviso Pubblico: IPAB Asilo Savoia.


28 febbraio, Convegno finale del progetto Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino, dal quale è nata la Rete mamma-bambino Lazio
28 febbraio, Convegno finale del progetto Famiglie e servizi in rete per i nuclei mamma-bambino, dal quale è nata la Rete mamma-bambino Lazio

La finalità di questo intervento era quella di mettere a disposizione un buon sistema di accoglienza e inclusione sociale che permettesse ai minori di crescere nella propria famiglia e alle madri di portare avanti la propria responsabilità di genitore. Ci siamo, quindi, concentrati sulle strutture che ospitano un tipo particolare di famiglia in condizioni di forte vulnerabilità sociale, quella composta da madri che crescono da sole i propri figli.

Il Progetto è cofinanziato dall’Associazione OASI nell’ambito del bando “Famiglie Fragili 2015” promosso dalla Regione Lazio.

Il Seminario è l’occasione per condividere riflessioni e spunti sul tema, per presentare l’aggiornamento della mappatura relativa alle strutture residenziali che nel Lazio ospitano nuclei madre-bambino in difficoltà e per illustrare il lavoro che la Rete regionale ha svolto in questo suo primo anno di vita. Leggi tutto

Oltre la Gelata. Partecipazione e coinvolgimento nel primo AgriLab

Il tavolo di lavoro "Mobilità umana e agricoltura sociale" dell'AgriLab Oltre la Gelata - 9 febbraio alla Città dell'Altra Economia, Roma
Il tavolo di lavoro “Mobilità umana e agricoltura sociale” dell’AgriLab Oltre la Gelata – 9 febbraio alla Città dell’Altra Economia, Roma

La comunità legata all’agricoltura sociale oggi, 9 febbraio, ha partecipato attivamente al nostro AgriLab “Oltre la Gelata. Riprogettarsi con l’Agricoltura Sociale”. In attesa della pubblicazione dei resoconti dei lavori prodotti dai tavoli, scriviamo questo post per ringraziarvi della vostra presenza. Cercavamo la partecipazione attiva, volevamo un dialogo più che un convegno. Abbiamo ottenuto tutto questo e il merito è soprattutto di chi ha dedicato a Kairos e all’agricoltura sociale questa mattinata.

“Oltre la Gelata. Riprogettarsi con l’Agricoltura Sociale” è stato un appuntamento per celebrare i risultati del progetto Campi Aperti – Oltre la Gelata, ma anche per ritrovarci a parlare di questo modello d’intervento. Come nella tradizione di Kairos. Ma questa volta abbiamo dato inizio ad una serie di appuntamenti ricorrenti, dei punti di riferimento che possano animare una discussione continua. L’intenzione dell’AgriLab era questa e quel che avevamo immaginato si è senza dubbio avverato. Oltre ai partner e agli amici più fedeli di Kairos, erano presenti anche altre realtà locali legate al nostro ambito d’intervento e non pochi curiosi, provenienti da contesti professionali molto diversi. Leggi tutto

Oltre la Gelata – Riprogettarsi con l’Agricoltura Sociale. Giovedì 9 febbraio alla CAE

Oltre la Gelata - Riprogettarsi con l'Agricoltura Sociale
Oltre la Gelata – Riprogettarsi con l’Agricoltura Sociale

[Aggiornamento] Nuovo AgriLab in programma! Ti aspettiamo a breve.

Giovedì 9 febbraio 2017, alle ore 9.00, ci ritroviamo alla Città dell’Altra Economia (Largo Dino Frisullo – Ex Mattatoio di Testaccio, Roma). Non è la prima volta che ci incontriamo per parlare di agricoltura sociale partendo dagli spunti di riflessione che nascono dai nostri progetti, ma il seminario Oltre la Gelata – Riprogettarsi con l’agricoltura sociale sarà anche l’inizio del ciclo di incontri dell’AgriLab. Vogliamo tenere viva e costante la discussione nella comunità di professionisti, organizzazioni e appassionati legata all’agricoltura sociale.

Il punto di partenza dell’incontro sarà Campi Aperti – Oltre la Gelata, progetto di Kairos che ha visto la luce grazie al contributo della Fondazione Haiku Lugano. Parleremo delle opportunità offerte dall’Agricoltura Sociale ai soggetti vulnerabili che stanno affrontando una transizione, un momento di passaggio della propria vita: pensiamo soprattutto ai migranti e ai giovani NEET. Leggi tutto

Parte AgriLab! Primo incontro il 9 febbraio sul progetto “Oltre la gelata”

[Aggiornamento] Nuovo AgriLab in programma! Ti aspettiamo.

Dall’esperienza del progetto di agricoltura sociale “Campi Aperti – Oltre la gelata” parte il ciclo di incontri AgriLab – Laboratorio di Agricoltura Sociale. Una serie di occasioni, organizzata da Kairos, per tenere viva la comunità legata alle pratiche dell’agricoltura sociale.

Il primo incontro sarà giovedì 9 febbraio, ore 9.00, alla CAE – Città dell’Altra Economia (Largo Dino Frisullo, Roma – Ex mattatoio): Oltre la gelata.  Riprogettarsi con l’agricoltura sociale. I giovani, e più specificamente i neet e i migranti, saranno il tema della mattinata. Parleremo di come l’agricoltura sociale possa intervenire in una fase di transizione, il viaggio o l’approccio con il mondo del lavoro, e portare i ragazzi ‘oltre la gelata’, aldilà di un momento difficile o cruciale della propria vita.

CLICCA QUI PER TUTTE LE INFO SUL PROGRAMMA DEL SEMINARIO OLTRE LA GELATA E SULLE MODALITA’ D’ISCRIZIONE
Leggi tutto

Lavorare in Agricoltura Sociale: c’è un’opportunità con La Nuova Arca

La Nuova Arca, il casale a Falcognana (zona Ardeatina di Roma)
La Nuova Arca, il casale in zona Falcognana, Roma

Ci è stata segnalata un’opportunità per chi ha esperienza nel lavoro agricolo e vorrebbe dare una connotazione sociale al proprio mestiere.
La Nuova Arca è una delle realtà grazie alle quali Kairos può fare agricoltura sociale. Nei suoi terreni sull’Ardeatina, in zona Falcognana, fanno la propria esperienza di formazione e orientamento alcuni dei ragazzi impegnati nei nostri progetti. Le storie legate alla terza edizione di Campi Aperti che potete leggere sul blog Kairos Racconta provengono proprio da lì. Ogni giovedì Pony, Rosa e Diamante, i 3 ragazzi con i quali abbiamo scelto di accompagnarvi quest’anno, sono esentati dalla scuola per fare un’esperienza più adatta alle proprie esigenze negli orti biologici del casale de La Nuova Arca. I prodotti, che qui nascono e vengono confezionati, saranno poi venduti attraverso i GAS, i gruppi di acquisto solidale. Leggi tutto

L’agricoltura sociale come affronta …la gelata?

Come si lavora in agricoltura sociale durante la gelata?

C’è un tale freddo in questi giorni che, probabilmente, molti di voi si chiederanno se sia il caso di portare dei ragazzi in campagna. I loro coetanei, magari, nemmeno vanno a scuola in giornate così. Anzi, forse molti di voi si chiederanno “ma cosa si fa in campagna in questa stagione?”

La terra è viva e richiede attenzioni tutto l’anno. A volte, come in questo periodo, bisogna superare tempi duri. “Tempi”, non solo il “tempo” meteorologico. Come tutti gli esseri viventi, come le vite di ognuno di noi e, in particolare, le vite dei ragazzi che incontriamo sulla nostra strada. A volte bisogna resistere, limitare i danni, aspettare che il tempo passi e arrivi una stagione migliore. Superare la gelata.

Leggi tutto

La soddisfazione di aver portato su Rai 1 la bellezza dell’agricoltura sociale

Andrea Zampetti di Kairos, intervistato da Linea Verde
Andrea Zampetti di Kairos, intervistato da Linea Verde

Linea Verde dell’8 gennaio ha mostrato l’agricoltura sociale al pubblico di Rai 1. E Kairos, attraverso l’esperienza di Andrea Zampetti, ha avuto il piacere di rappresentare questo mondo che guarda alla natura, alla produzione e alla solidarietà. Insieme a noi la trasmissione ha presentato anche Barikamà, il Casale di Martignano, la Rete Fattorie Sociali ed altre realtà del Lazio.

È stata un’occasione speciale per raccontare storie di persone in difficoltà, psico-fisica o sociale, che hanno trovato un’evoluzione diversa rispetto alle storie alle quali la Televisione ci abitua solitamente.

Leggi tutto

Linea Verde: domenica si parlerà di agricoltura sociale insieme a Kairos

Linea verde parlerà di agricoltura sociale nella puntata che andrà in onda domenica 8 gennaio alle 12:20. Patrizio Roversi sarà al Casale di Martignano per parlarci di Barikamà
Linea verde parlerà di agricoltura sociale nella puntata che andrà in onda domenica 8 gennaio alle 12:20. Patrizio Roversi sarà al Casale di Martignano per parlarci di Barikamà

Vi invitiamo a non perdere la puntata di Linea Verde di domenica, 8 gennaio. Questa settimana, infatti, si parlerà di agricoltura sociale nel Lazio. Non solo il tema ci riguarda da vicino. Il programma darà voce anche ai progetti di Kairos, raccontati dal pedagogista Andrea Zampetti. Kairos ha legato fortemente il proprio impegno nel Lazio all’agricoltura sociale, all’idea che la natura e il lavoro possano dare spazio, fiducia e opportunità a persone svantaggiate. Domenica 8 gennaio, a partire dalle ore 12.20, noi guarderemo Rai Uno.

Non ci saremo solo noi. Patrizio Roversi e Daniela Ferolla hanno fatto visita al Casale di Martignano anche per conoscere i ragazzi della Cooperativa Barikamà. Il Casale di Martignano è un fedele partner dei nostri progetti di agricoltura sociale. È una delle aziende agricole in cui facciamo fare esperienze di lavoro ai ragazzi di Campi Aperti, che patiscono la mancanza di stimoli della periferia romana o altri problemi sociali e relazionali, e ai giovani rifugiati del progetto Campi Ri-Aperti che portiamo avanti in collaborazione con Casa Scalabrini 634.

Leggi tutto

Gli auguri, un saluto insieme, un primo bilancio

Giornate di Agricoltura Sociale - Il momento del pranzo a La Nuova Arca

Oggi ci siamo ritrovati a La Nuova Arca, a pranzo, per scambiarci gli auguri prima delle feste di Natale. Un momento per fare un primissimo bilancio del percorso di alcuni dei ragazzi con i quali stiamo lavorando. In particolare quello di Pony, Rosa e Diamante*, i tre adolescenti che abbiamo scelto di seguire da vicino su questo blog.

È già da più di un mese, ormai, che prosegue il cammino di agricoltura sociale dei ragazzi che partecipano a questa terza edizione di Campi Aperti. Pony, Rosa e Diamante sono impegnati nei campi della cooperativa La Nuova Arca ogni giovedì. Per un giorno a settimana possono sostituire la scuola con un’attività formativa che, crediamo, sia cucita su misura per le loro specifiche esigenze. Rosa e Diamante partono da Santa Palomba, e dopo aver percorso semplicemente un pezzo di Ardeatina si ritrovano in un mondo che sembra molto più distante. Pony incontra suoi coetanei con i quali si ritrova finalmente a condividere gli stessi impegni, le stesse responsabilità: nei confronti della terra, dei suoi frutti, dell’azienda che li produce e dei gruppi d’acquisto solidale che li acquisteranno. Insieme a loro ci sono anche tre adolescenti egiziani, arrivati da soli in Italia. Leggi tutto

Prima giornata a Tor Tre Teste con Borgo Ragazzi Don Bosco

I giovani partecipanti al corso di orticoltura e giardinaggio di Borgo Ragazzi Don Bosco nel negozio dell'azienda agricola D'Alesio
I giovani partecipanti al corso di orticoltura e giardinaggio di Borgo Ragazzi Don Bosco nel negozio dell’azienda agricola D’Alesio

Concludiamo il giro delle aziende agricole, partner dei nostri progetti di inclusione sociale, che durante le Giornate di Agricoltura Sociale abbiamo presentato a nuovi ragazzi di Roma in cerca di fiducia e opportunità di crescita. Siamo andati a Tor Tre Teste insieme a Borgo Ragazzi Don Bosco, il centro salesiano che offre occasioni di ritrovo e formazione a ragazzi che lasciano la scuola o rischiano particolari condizioni di disagio. Dopo l’esperienza della settimana precedente al Casale di Martignano, questa volta abbiamo invitato i loro ragazzi in un’altra azienda multifunzionale, Fratelli D’Alesio, da sempre attenta all’elemento sociale del lavoro: la capacità di favorire inclusione e integrazione.

La collaborazione di Kairos con Borgo Ragazzi Don Bosco nasce in seno al corso di orticoltura e giardinaggio organizzato dal centro. Al corso partecipano ragazzi tra i 16 e i 20 anni che hanno abbandonato il proprio percorso scolastico. Si tratta, spesso, di adolescenti che vivono con insofferenza gli spazi chiusi di un’aula. Borgo Don Bosco dà loro l’opportunità di fare un’esperienza che li formi dal punto di vista professionale, che li metta a contatto con un ambiente naturale molto lontano da quello che hanno conosciuto nella periferia in cui vivono. Soprattutto, questa esperienza diretta ha l’obiettivo di favorire il loro recupero umano e scolastico. Leggi tutto

“Il peso di una zucca”. L’esperienza dell’educatore

Il racconto di Matteo, educatore di Kairos impegnato nei progetti di agricoltura sociale, dà un “peso” al lavoro dei ragazzi che ha seguito

Durante la prima delle Giornate di Agricoltura Sociale, un educatore di Kairos, Andrea, passa la zucca ad un ragazzo al suo primo giorno in azienda
Durante la prima delle Giornate di Agricoltura Sociale, un educatore di Kairos, Andrea, passa la zucca ad un ragazzo al suo primo giorno in azienda

Vi ricordate quando vi abbiamo chiesto quale potrebbe essere il peso della zucca che Matteo, educatore sociale di Kairos, ci ha passato durante la passeggiata a La Nuova Arca? Quel giorno stavamo presentando l’agricoltura sociale ad un nuovo gruppo di ragazzi di Roma, quando la videocamera sul berretto di Asia ha ripreso la scena in soggettiva.

Dopo aver ospitato le sensazioni che l’agricoltura sociale ha suscitato in un’operatrice che ci ha presentato uno dei suoi ragazzi, questa volta vi proponiamo l’esperienza del pedagogista.Ora vi diciamo qual è il peso di una zucca. È lo stesso Matteo, con questo racconto, a spiegarci il senso di quel momento. Matteo ha seguito e visto crescere un gruppo di ragazzi nella passata edizione del progetto Nuovi Campi Aperti. E dalla loro esperienza, ricordando quello che hanno seminato e quello che hanno raccolto, riesce a farci capire qual è il peso di una zucca che nasce dall’agricoltura sociale. Leggi tutto

“Lo spazio fuori, lo spazio dentro”. L’agricoltura sociale vista da un’operatrice

Il Casal di Martignano. Sulle rive del lago la nostra terza Giornata di Agricoltura Sociale
Il Casal di Martignano. Sulle rive del lago la nostra terza Giornata di Agricoltura Sociale

Oggi vi proponiamo un contributo che siamo veramente lieti di ospitare sul nostro blog. Chiara Maraldi, di Generazione Baronio Onlus, è la psicologa che segue uno degli adolescenti che hanno partecipato con maggiore entusiasmo alle Giornate di Agricoltura Sociale, gli appuntamenti organizzati per far valutare a ragazzi, operatori e assistenti sociali l’opportunità di partecipare alla nuova edizione del progetto Nuovi Campi Aperti. Chiara ci ha raccontato la sua impressione in merito ai primi momenti dell’esperienza che, prestissimo, Pony inizierà con Kairos e La Nuova Arca. A proposito… in questi mesi chiameremo Pony, piuttosto che con la sua iniziale “E”, questo ragazzo di cui abbiamo già avuto occasione di parlarvi. Come chiameremo Rosa e Diamante le nostre fedeli camerawomen in soggettiva, C e S. Preferiamo che siano i nostri giovanissimi beneficiari ad avere la libertà di decidere quando e a chi dire che i protagonisti di queste storie che raccontiamo sono loro. Leggi tutto

Nuovi semi iniziano a germogliare. La seconda giornata di Agricoltura Sociale

I primi germogli dell'aglio piantato dai ragazzi al loro primo giorno di agricoltura sociale
I primi germogli dell’aglio piantato dai ragazzi al loro primo giorno di agricoltura sociale

Abbiamo visto germogliare nuovi semi. E non ci riferiamo solo agli spicchi d’aglio. Questa settimana c’è stata la seconda delle quattro Giornate di Agricoltura Sociale che abbiamo organizzato per far provare i nostri progetti a nuovi ragazzi. Ed è stata anche la seconda giornata in assoluto di agricoltura sociale per i giovanissimi che hanno già partecipato al nostro primo incontro nei campi dell’azienda agricola La Nuova Arca. Un giorno speciale perché, a due settimane di distanza, tornano a La Nuova Arca e trovano i germogli dell’aglio che avevano piantato.

Aveva ragione C, giovanissima ragazza di Santa Palomba che vi abbiamo già presentato nei precedenti post. Era sicura che il suo aglio avrebbe dato vita a nuove piantine. E così è stato. Sembra sia andata molto meglio degli educatori e degli operatori, anch’essi cimentatisi in questa prova. Dobbiamo ammetterlo… Leggi tutto

Agricoltura Sociale in soggettiva. Il punto di vista dei ragazzi, con una videocamera sportiva

Il punto di vista di C., con la nostra videocamera sportiva, in occasione delle Giornate di Agricoltura Sociale
Il punto di vista di C., con la nostra videocamera sportiva, in occasione delle Giornate di Agricoltura Sociale

In occasione della prima delle Giornate di Agricoltura Sociale, lunedì 24 ottobre a La Nuova Arca, abbiamo fatto debuttare la nostra nuova videocamera sportiva. L’abbiamo messa sulle teste nostre e dei ragazzi per catturare e riproporvi alcuni momenti di agricoltura sociale. In soggettiva, dal punto di vista di chi vive questi progetti. Vedremo ciò che vede il ragazzo che beneficia dei nostri progetti quando inizia il suo cammino, quando esegue un compito difficile per la prima volta o quando si confronta con il pedagogista o con chi lavora nell’azienda che lo ospita.

Le Giornate di Agricoltura Sociale sono, probabilmente, una delle occasioni migliori per testare questo strumento. Ci ha permesso, infatti, di riprendere un momento che potrebbe rivelarsi importante nella vita dei ragazzi che, insieme ad operatori ed assistenti sociali, vengono a conoscere per la prima volta il nostro modo di fare inclusione sociale: la prima volta che si mettono le mani nel terreno, la prima volta con il lavoro agricolo. Leggi tutto

Com’è il primo incontro tra un adolescente e l’agricoltura sociale?

Giornate di Agricoltura Sociale - Il primo incontro tra l'adolescente e l'agricoltura sociale
Ieri, 24 ottobre, nei campi de La Nuova Arca la prima delle Giornate di Agricoltura Sociale – Il primo incontro tra l’adolescente e l’azienda agricola

Ieri abbiamo assistito ad un momento che potrebbe rivelarsi fondamentale nella vita di un adolescente. Non è un’esagerazione dirlo. La prima delle quattro Giornate di Agricoltura Sociale ha fatto incontrare dei ragazzi, non ancora diciottenni, con la possibilità di iniziare un percorso di inclusione sociale a contatto con la natura, all’interno di un’azienda agricola.

Si tratta del loro primo incontro con l’agricoltura sociale. E possiamo ben immaginare quanto possa essere importante la prima impressione, soprattutto se c’è da accettare una scommessa come questa: dei ragazzi così giovani saranno attratti dall’ipotesi di lavorare e passare delle ore in un contesto completamente diverso da quello di provenienza? Forse la mattinata passata tra le coltivazioni biologiche de La Nuova Arca sarà veramente un punto di svolta per qualcuno di loro, perché la prima risposta è stata entusiastica. Leggi tutto

Scopriamo i partner dei nostri progetti attraverso le loro parole

Il focus group dei referenti di servizi e partner di Kairos - Workshop "Campi Aperti - La strada fatta e quella da fare"
Il focus group dei referenti di servizi e partner di Kairos – Workshop “Campi Aperti – La strada fatta e quella da fare”

Oggi daremo la parola ai partner di alcuni dei nostri progetti, in particolare quelli di agricoltura sociale, e agli assistenti sociali grazie ai quali Kairos può portare aventi le sue attività in favore di soggetti emarginati. Abbiamo già riportato su questo blog le impressioni dei ragazzi, i beneficiari dell’agricoltura sociale.

C’è stato un momento particolare ad animare il workshop “Campi Aperti – La strada fatta e quella da fare” al Casale di Martignano: i focus group e i tavoli di lavoro ci hanno fatto pensare e discutere sulla “strada fatta” con l’agricoltura sociale, insieme a partner e giovani beneficiari, e sulla “strada da fare”, raccogliendo idee per nuove iniziative. In contemporanea, raccolti in tre posti diversi dell’azienda agricola bagnata dal lago di Martignano, abbiamo ascoltato le esperienze e le sensazioni dei ragazzi che hanno partecipato ai progetti in ambito agricolo, ci siamo confrontati con i partner e i servizi con i quali collaboriamo ed abbiamo messo in moto la capacità di iniziativa degli altri partecipanti al workshop. Leggi tutto

Giornate di Agricoltura Sociale: laboratori per ragazzi nelle aziende agricole


LINK: NUOVA EDIZIONE 2017 DELLE GIORNATE DI AGRICOLTURA SOCIALE


Questa pagina è relativa all’edizione 2016 delle Giornate di Agricoltura Sociale. Per conoscere gli appuntamenti della primavera 2017, dal 20 aprile al 2 maggio 2017, clicca il seguente link:
Giornate di Agricoltura Sociale


Casale di Martignano, una delle aziende in cui si svolgeranno le Giornate di agricoltura sociale
Casale di Martignano, una delle aziende in cui si svolgeranno le Giornate di agricoltura sociale

Abbiamo organizzato delle giornate da trascorrere in tre aziende agricole romane che ospitano i beneficiari dei nostri progetti di agricoltura sociale. Campi Aperti – Giornate di Agricoltura Sociale è l’iniziativa alla quale abbiamo pensato per promuovere e far conoscere questa tipologia d’intervento sociale ai ragazzi e agli operatori dei servizi e delle organizzazioni che seguono il percorso dei giovani del proprio territorio.

Si tratta di un ciclo di laboratori esperienziali in tre aziende multifunzionali, realtà che non sono impegnate unicamente nella produzione agricola ma anche in attività utili per la comunità. Le Giornate di Agricoltura Sociale sono rivolte ad adolescenti e giovani, di età compresa tra i 15 e i 23, e agli operatori che li accompagneranno a questi appuntamenti. Leggi tutto

Storie di un incontro. Tutti in cerchio, alla fine del progetto di agricoltura sociale

Storie di un incontro - la serata per ripercorrere il progetto di agricoltura sociale Le Imprese e i Giovani
Storie di un incontro – la serata per ripercorrere il progetto di agricoltura sociale Le Imprese e i Giovani

Ci siamo ritrovati alla Casa del Giardinaggio per ripercorrere l’esperienza del progetto di agricoltura sociale Le Imprese e i Giovani. Tutti insieme, i ragazzi che vi hanno partecipato e le aziende che li hanno ospitati, i centri di aggregazione giovanile e i rappresentanti istituzionali del Municipio Roma IX, noi di Kairos e l’assistente sociale. In cerchio, alla nostra maniera, per raccontare ed ascoltare questo esperimento. Per dialogare e riflettere su risultati, potenzialità ed elementi da correggere. Le Imprese e i Giovani, infatti, è un progetto di agricoltura sociale dai tratti innovativi. “È importante vedersi per discuterne di persona, non solo attraverso pezzi di carta, e creare occasioni per scoprire cose belle. Raccontarci anche la bellezza della natura”. Con queste parole Martino Rebonato apre la serata. Leggi tutto

Casa del Giardinaggio. Il laboratorio verde dei bambini di Roma

Casa del Giardinaggio - Roma
Casa del Giardinaggio – Roma, Via Ardeatina 610. Lì ci incontreremo il 15 settembre per Storie di un incontro

C’è uno speciale angolo verde a Roma. Lì ci ritroveremo giovedì, 15 settembre, per l’appuntamento Storie di un incontro. La Casa del Giardinaggio di Roma è uno spazio in cui i bambini delle scuole della Capitale approcciano all’educazione ambientale e alla cura delle piante, sperimentano la pratica del giardinaggio.

La Casa del Giardinaggio organizza attività di laboratorio che introducono i bambini di scuole primarie e secondarie inferiori alla conoscenza del mondo vegetale attraverso la pratica diretta delle elementari tecniche di giardinaggio. Nelle aree attrezzate i giardinieri in erba saranno accompagnati nella preparazione dei terricci, nella semina, nei trapianti di bulbi. Inoltre, saranno accompagnati nel Parco di San Placido per osservare e riconoscere le specie vegetali ornamentali presenti. Leggi tutto

Storie di un incontro: il programma della serata

Storie di un incontro - Le Imprese e i Giovani. Progetto di agricoltura sociale
Storie di un incontro – Le Imprese e i Giovani. Il programma dell’appuntamento con i ragazzi che hanno partecipato al progetto di agricoltura sociale

Procedono i preparativi per Storie di un incontro – Le Imprese e i Giovani, l’appuntamento del 15 settembre con i ragazzi, le aziende agricole e gli operatori che hanno partecipato a “Le Imprese e i Giovani“, il nostro progetto di agricoltura sociale promosso dal Municipio Roma IX e finanziato dalla Regione Lazio.

Ci ritroveremo alle 17.30, alla Casa del Giardinaggio di Roma (via Ardeatina 610). Il programma della serata, dopo i saluti di rito, inizierà con i racconti e le riflessioni sul progetto. Interverranno Luana De Leo, assistente sociale del Municipio Roma IX, e Andrea Zampetti, pedagogista sociale di Kairos. Ci saranno anche i ragazzi, i beneficiari dell’intervento, a rievocare le esperienze vissute. Insieme alle aziende agricole e agli stakeholder dell’iniziativa daranno vita a una conversazione tra gli attori del progetto Le Imprese e i Giovani. Leggi tutto

Il 15 settembre siete invitati a conoscere le “Storie di un incontro”

Storie di un incontro - Le Imprese e i Giovani
Foto di gruppo con alcuni dei ragazzi che si racconteranno durante “Storie di un incontro – Le Imprese e i Giovani”

Stiamo preparando una serata che vorremmo trascorrere insieme a voi. Vi invitiamo a “Storie di un incontro – Le Imprese e i Giovani”, una piacevole occasione per passare delle ore di fine estate con i ragazzi che hanno partecipato al progetto di agricoltura sociale, promosso dal Municipio Roma IX, “Le Imprese e i Giovani“. Giovedì 15 settembre, ore 17.30, alla Casa del Giardinaggio di Roma, in via Ardeatina 610, vogliamo rivivere le esperienze dei giovani che si sono messi alla prova con il lavoro agricolo e le impressioni delle aziende agricole che hanno dato loro fiducia.

Storie di un incontro, quello avvenuto tra i giovani beneficiari dei nostri progetti di agricoltura sociale e le imprese che collaborano con noi, è l’appuntamento che vuole celebrare la conclusione del progetto “Le Imprese e i Giovani”.  Leggi tutto

La strada fatta… con i ragazzi. Parlano i beneficiari dell’agricoltura sociale

focus group dei beneficiari
Il focus group con i giovani beneficiari dei progetti di agricoltura sociale

C’è stato un momento particolare ad animare il workshop “Campi Aperti – La strada fatta e quella da fare” che abbiamo fatto lo scorso 31 maggio al Casale di Martignano: i focus group e i tavoli di lavoro ci hanno fatto pensare e discutere sulla “strada fatta” con l’agricoltura sociale, insieme a partner e giovani beneficiari, e sulla “strada da fare”, raccogliendo idee per nuove iniziative.In contemporanea, raccolti in tre posti diversi dell’azienda agricola bagnata dal lago di Martignano, abbiamo ascoltato le esperienze e le sensazioni dei ragazzi che hanno partecipato ai progetti in ambito agricolo, ci siamo confrontati con i partner e i servizi con i quali collaboriamo ed abbiamo messo in moto la capacità di iniziativa degli altri partecipanti al workshop. Leggi tutto

Workcamp 2016: ragazzi di tre lingue diverse e un giardino

I ragazzi del Workcamp 2016 che lavorano sulle aiuole del nuovo giardino della scuola Grazia Deledda
I ragazzi del Workcamp 2016 che lavorano sulle aiuole del nuovo giardino della scuola Grazia Deledda

Negli spazi di una scuola di Roma, la “Grazia Deledda”, sta avvenendo qualcosa di particolare. Per due settimane, dal 17 al 31 luglio, ragazzi italiani, tedeschi e finlandesi stanno partecipando ad uno scambio internazionale, il Workcamp 2016, che li vede all’opera in alcuni progetti. Uno di questi riguarda il giardinaggio e vede la collaborazione di Kairos.

Il Centro giovanile Meta e i suoi partner internazionali, la Sozialistische Jugend Deutschlands “Die Falken” di Leverkusen, in Germania, e Nuoret Kotkat di Oulu, in Finlandia, hanno dato vita ad un’iniziativa che quest’anno fa tappa in Italia e ha lo scopo di rafforzare tra gli adolescenti alcuni valori fondanti dell’Europa: partecipazione attiva, inclusione e antidiscriminazione. Il Workcamp è finanziato dal programma comunitario Erasmus+ e dal progetto tedesco ewoca³. Per due settimane ci sarà l’opportunità di trascorrere un’esperienza di vita in comune, ospitati dalla scuola statale “Grazia Deledda” nel territorio del Municipio VII di Roma. Leggi tutto

Far incontrare “Le imprese e i giovani” funziona. Una giornata con i ragazzi

Giornata a La Nuova Arca con i ragazzi del progetto Le Imprese e i Giovani
Giornata a La Nuova Arca con i ragazzi del progetto Le Imprese e i Giovani

Abbiamo passato una giornata all’aperto insieme ai ragazzi che hanno partecipato al progetto Le Imprese e i Giovani. Ci siamo ritrovati negli spazi de La Nuova Arca, una delle aziende agricole che ha ospitato queste brevi esperienze di lavoro. Le campagne della zona dell’Ardeatina ci circondavano fino a raggiungere l’orizzonte mentre, seduti tutti in cerchio, abbiamo scambiato due chiacchiere sulle esperienze appena vissute dai giovanissimi beneficiari del progetto. Le ore di lavoro stabilite, infatti, sono giunte al termine ed è tempo di fare un bilancio, di tastare il polso dei ragazzi.

Con noi c’erano anche gli operatori de La Nuova Arca e Luana, assistente sociale del IX Municipio, ente che ha promosso il progetto. E c’era anche J., che in questa azienda ha iniziato la propria esperienza grazie ad un’altra nostra iniziativa, Campi Aperti. Oggi, La Nuova Arca continua a dargli fiducia e lo ospita per un tirocinio.

I ragazzi, tutti poco più che adolescenti, ci hanno fatto un’impressione straordinaria. Il nostro obiettivo non era soltanto quello di formarli, di dargli una base sulle mansioni che si svolgono nei campi, ma quello di orientarli nel mondo del lavoro. L’entusiasmo che abbiamo visto in loro ci lascia ben sperare sul raggiungimento di questo obiettivo. Leggi tutto

Cosa significa lavorare con i ragazzi di periferia? Viaggio a Santa Palomba

Inaugurazione di "Tutti al Centro", il nuovo CAG di Santa Palomba - foto da lnx.luisalaurelli.com
Inaugurazione di “Tutti al Centro”, il nuovo CAG di Santa Palomba – foto da lnx.luisalaurelli.com

Abbiamo raccolto i pensieri di chi ha lavorato per i giovani e i bambini di Santa Palomba, estrema periferia romana, nei centri d’aggregazione giovanile “Nel Formicaio” e “L’Isola dei Giochi”. Attraverso le parole di chi è stato impegnato nel progetto, esperienza ereditata dal nuovo CAG “Tutti al Centro”, vogliamo capire cosa significhi lavorare con i ragazzi di una periferia dimenticata. E avere un esempio vivo di quanto si sia prodotto con il Fondo per l’infanzia e l’adolescenza della legge 285/97, il cui Piano Cittadino vede il lavoro dell’Associazione Oasi alla Cabina di Regia.
Queste che leggeremo sono le riflessioni, i saluti, le emozioni espresse da educatrici, coordinatrici e dall’assistente sociale alla conclusione del percorso intrapreso a Santa Palomba con gli adolescenti di “Nel Formicaio” e i bambini dell'”Isola dei Giochi”.

Si è chiuso un cerchio, in un vortice di emozioni semplicemente uniche. Tutto è successo lì, in quell’angolo sperduto di mondo.
Grazie ragazzi per avermi permesso di vivervi, per avermi arricchito più di tanti altri incontri fatti e grazie per avermi ricordato che nulla è solo come appare.
Non davo calore alla mia vita da un po’. Stasera, nel salutarvi, ho scelto nuove sfumature per colorare tutto questo che è stato semplicemente…”favolevole”! È un po’ come….to be on cloud nine.
Katia Costa Calabria – Coordinatrice Progetto “nel Formicaio” – Santa Palomba Leggi tutto

I campi in cui crescono anche possibilità: le aziende agricole partner

I ragazzi all'opera in una delle aziende agricole che collaborano con Kairos
All’opera in un’azienda agricola partner di Kairos

Semplicemente, non partirebbero i nostri progetti di agricoltura sociale senza la collaborazione delle aziende agricole. Sono lo scenario in cui nascono le nuove opportunità per i giovani beneficiari delle nostre iniziative. Offrono gli strumenti, le esperienze, i campi con i quali i ragazzi lavoreranno e impareranno. Oggi presentiamo le aziende agricole che partecipano ai nostri progetti, ospitando i tirocini o le piccole esperienze di formazione e orientamento al lavoro che offriamo ai giovani che vivono condizioni sociali difficili.

Il Casale di Martignano, sulle rive dell’omonimo lago, è protagonista di una fedele collaborazione con Kairos. Oltre ad ospitare nei propri terreni i partecipanti ai progetti Campi Ri-Aperti e Nuovi Campi Aperti, ha fatto da location al workshop sull’agricoltura sociale La strada fatta e quella da fare e ad altre occasioni di formazione legate al progetto Campi Aperti per il Sociale dell’Associazione Oasi. Le sue campagne, il suo allevamento di maiali, lo splendido prato sulle rive del lago vengono percorsi dalla “passeggiata dinamica”, uno dei momenti che contraddistinguono i nostri workshop. Leggi tutto

Campi Ri-Aperti. Aprire opportunità con il lavoro

Un momento di riposo e di confronto durante un tirocinio del progetto Campi Ri-Aperti
Un momento di riposo e di confronto durante un tirocinio del progetto Campi Ri-Aperti

Seguire da vicino un giovane che fa il suo approccio con il mondo del lavoro del paese che lo ha accolto. Affidargli tutte le responsabilità che normalmente richiedono le mansioni che è chiamato a svolgere. Dare fiducia ad una persona che ha iniziato un duro cammino di integrazione. Queste sono opportunità importanti per i giovani rifugiati e richiedenti asilo che partecipano al nostro progetto Campi Ri-Aperti.

Si tratta di un progetto di agricoltura sociale che si caratterizza, in primo luogo, per i soggetti ai quali si rivolge. Questa volta abbiamo “RI-aperto” i campi perché la sillaba “RI” fa riferimento proprio ai rifugiati e ai richiedenti asilo. Sono giovani migranti quelli che inseriamo in un percorso di orientamento e formazione al lavoro agricolo. Percorsi che sono individualizzati, personalizzati, e ci permettono di seguire con attenzione i progressi e le difficoltà incontrate durante il cammino. I partecipanti ad ogni modulo del progetto, infatti, non sono più di quattro. Leggi tutto

Le Imprese e i Giovani. A volte basta farli conoscere.

Mr Jack, lo spaventapasseri di Ciampacavallo, una delle aziende agricole del progetto Le Imprese e i Giovani
Mr Jack, lo spaventapasseri di Ciampacavallo, una delle aziende agricole del progetto Le Imprese e i Giovani

Vogliamo presentarvi uno dei nostri progetti: Le Imprese e i Giovani. Lo portiamo avanti insieme al Municipio IX di Roma, che lo ha promosso, e alla indispensabile collaborazione di aziende agricole e operatori del sociale che si occupano di ragazzi giovanissimi che rischiano di vivere la propria vita ai margini della società.

Cosa facciamo con questo progetto? Convinti della capacità che abbia l’agricoltura sociale di creare opportunità di vita, oltre che di lavoro, abbiamo pensato che delle brevi ma formative esperienze lavorative all’interno di aziende agricole possano aiutare dei ragazzi giovanissimi ad immaginare un proprio futuro, una prospettiva anche lavorativa. Parliamo di ragazzi di una fascia d’età che va dai 16 ai 21 anni e che vivono difficoltà di vario tipo, sociali o familiari, o provengono da quella estrema periferia romana che sembra pensata per escludere qualsiasi attività possa stimolare gli adolescenti che ci vivono.
In queste condizioni è difficile anche solo immaginarlo un futuro. Leggi tutto

Rifornimento in Volo: un’esperienza di collaborazione in agricoltura sociale

Apriamo il nostro blog “Kairos racconta” ospitando Maria Katiuscia Zerbi, psicologa e psicoterapeuta della Cooperativa sociale Rifornimento in volo che coordina il Progetto Educativa di strada. Ci racconta l’esperienza vissuta insieme a Kairos nell’ambito di questo progetto, l’approccio tra due modi di operare diversi, il loro incontro con l’agricoltura sociale

Cooperativa sociale Rifornimento in volo
Cooperativa sociale Rifornimento in volo

Il primo contatto tra la Cooperativa Sociale Rifornimento in volo e la Cooperativa Sociale Kairos è avvenuto circa un anno fa. A generare l’incontro l’impegno di entrambe su un territorio comune: quello del V Municipio di Roma. Municipio in cui da anni svolgiamo, come Rifornimento in volo, interventi di cura integrati per adolescenti a rischio psicopatologico attraverso il Servizio di Compagno adulto inserito nell’ambito del Progetto Educativa di strada. È attraverso questo progetto, portato avanti insieme a diverse associazioni, che si è resa possibile una collaborazione con una realtà per noi nuova, quella dei progetti di agricoltura sociale per adolescenti, proposta da Kairos.

Leggi tutto

© Copyright 2015
Kairos
Società cooperativa sociale a.r.l. O.N.L.U.S. (di tipo “B”, ai sensi della L. 381/91)

Sede legale: via Attilio Ambrosini n. 72 – 00147 Roma
Tel.: 06.5160.0539
Fax: 06.5188.2122
segreteria@kairoscoopsociale.it